Grafica - DocArt Grafica e siti web

Vai ai contenuti

Menu principale:

grafica
CHE COS’E’ LA GRAFICA?

E’ l’insieme delle caratteristiche formali (linee, colori, caratteri ecc.) che definiscono l’aspetto di un libro, uno stampato, un disegno, un sito web.
L’attività destinata alla produzione di questo tipo di opere è molto vasta:

- lo studio di un logo, Brand Identity
- la progettazione di una linea di prodotti
- lo stile di una rivista o di un sito
- la scelta di immagini e colori
- il restyling.

La variante creativa ne evidenza l’aspetto soggettivo. Sono da considerare opera grafica un diagramma scientifico, un marchio o una mappa, come un disegno o un'incisione d'artista, la pagina di un libro o di un giornale. Tutte queste realizzazioni, ognuna con specifiche caratterizzazioni linguistiche e funzionali, sono in ogni caso accomunate dall'appartenenza all'ambito di forme comunicative per segni, non necessariamente limitati al tratto.
Oltre al concetto internazionale di graphic design (progettazione grafica) che intende l'attuazione di una precisa strategia di marketing prima e strategia creativa dopo, il termine può comprendere il concetto di grafica d'arte, settore orientato alla produzione in serie anche di opere artistiche, slegate quindi da una mera progettazione commerciale.

Ho inserito qui, qualche esempio di progettazione grafica, alcuni lavori conclusi ed altri
come bozze e studio.
Logo

“Un logo (abbreviazione di logotipo; plurale loghi dal greco λόγος logos “parola” and τύπος typos “lettera”) è la scritta, che solitamente rappresenta un prodotto, un servizio, un’azienda, un’organizzazione, una band musicale o altro ancora. Tipicamente è costituito da un simbolo o da una versione o rappresentazione grafica di un nome o di un acronimo che prevede l’uso di un lettering ben preciso.”
Dunque il logo è quella scritta, simbolo o entrambi che rappresenta un’azienda, un servizio, un evento etc..
Il logo può essere formato esclusivamente dal Logotipo e quindi essere rappresentato da un letterig che riproduce un espressione fonetica ad esempio: Coca – Cola, IBM, ASUS etc..
Oppure il logo può essere formato esclusivamente da un Pittogramma, Ideogramma, monogramma e acronimo oppure da una combinazione di due o più di questi con il logotipo.

-Un Pittogramma è un segno iconico che rappresenta in modo preciso una cosa/servizio/attività ad esempio se io ho la rappresentazione di un piatto di pasta significa che voglio proprio “rappresentare” della pasta.

-Un Ideogramma invece è un segno non iconico o comunque a bassa iconicità e quindi non ha uno stretto legame di senso con la cosa/servizio/attività che rappresenta. Ad esempio il coccodrillo della Lacoste.

-Un Monogramma è un simbolo grafico ottenuto sovrapponendo o combinando in altro modo due o più lettere di una stessa parola o gruppo di parole ad esempio il marchio Chanell o Rolls Roys

-Un Acronimo è un simbolo grafico ottenuto utilizzando solo alcune lettere (generalmente le iniziali) di un’azienda, organizzazione, prodotto ad esempio il marchio FCA o IBM. In sostanza è una forma speciale di Logotipo..

La progettazione di una linea di prodotti

Studi per una nuova linea di vini per la cantina Destefanis

Lo Stile di una rivista, la scelta dei font, delle immagini e dei colori, il restyling

Metal Hammer: rivista cartacea e web specializzata di Heavy Metal fondata nel 1983 nel Regno Unito. Attualmente la versione italiana, denominata Metal Hammer Italia, è diretta da Alex Ventriglia e Fabio Magliano, due firme storiche del magazine. Il caporedattore è invece Stefano Giorgianni, che succede allo stesso Magliano.
Nel 2014 un carissimo amico Fabio Magliano (già caporedattore nelle precedenti edizioni) mi chiese di fare il restyling della rivista. L'heavy metal, è un genere musicale compreso nell'ambito della musica rock. Deriva dall'hard rock, ed è caratterizzato da ritmi fortemente aggressivi e da un suono potente, ottenuto attraverso l'enfatizzazione dell'amplificazione e della distorsione delle chitarre, dei bassi, o, talvolta, persino delle voci. Esiste una moltitudine di stili e sottogeneri dell'heavy metal; di conseguenza esistono sottogeneri più melodici e commerciali, ed altri dalle sonorità estreme e underground.
E’ stata fondamentale la ricerca dei Font che dovevano esprimere un carattere aggressivo «Rock». Mi indirizzai sui Font molto spessi, consumati, che rispecchiano perfettamente lo stile. Anche la ricerca dei colori è particolarmente importante, come per i font deve rappresentare l’indole, la personalità. Il rosso, il bianco e il nero li trovai molto indicati. Ho fatto lo stesso tipo di ricerca per gli inserti grafici: pagine strappate, stikers con teschi e chitarre a stella, colate «sanguinolente».Il risultato fu una nuova veste grafica «esplosiva», molto apprezzata nell’ambiente.
La rivista venne stampata a tiratura nazionale solo per i primi 3 numeri, e poi venne pubblicata sul web nel 2016 (con piu’ di 30.000 visualizzazioni, attualmente on line) mantenendo la stessa impostazione grafica.
.


Torna ai contenuti | Torna al menu